Monarca: il progetto cinematografico di Elder Cordero veste Elena Cretì

Oggetti e animali che diventano personaggi. L’espressione, il modo di gesticolare di un familiare o di un amico che si trasformano in un cartone animato. Per Elder Cordero, geniale scrittore, regista e disegnatore di origini venezuelane, l’ispirazione arriva da qualsiasi cosa lo circondi. Per il suo Monarca Stories, come ha chiamato il mondo di fiaba nel quale vivono i personaggi che ha creato, la ricerca per i costumi è ricaduta su Elena Cretì, disegnatrice e sarta, titolare del negozio Degas, che vende anche articoli per la danza. «Quando ho guardato all’Italia – racconta ancora Cordero -, mi dicevano che dovevo rivolgermi agli stilisti di Milano, la capitale della moda. E quando ho detto che la mia scelta era caduta su una stilista leccese, mi hanno guardato quasi con disprezzo e mi hanno detto: “Ma lì sono trent’anni indietro!”. E invece, Elena è riuscita a capire perfettamente cosa volessi». Così, sono nati gli abiti, le magliette, i tutù ispirati a Tika e Malena, con i loro volti ricamati sul petto, dai colori vivaci e solari che richiamano quelli del Salento e della pietra leccese, che hanno letteralmente incantato Cordero.

 

settembre 2012

Dicono di noi